Riviera d'Ulisse, isola di Ponza e Gaeta

26 - 30 settembre
gaeta

Programma

1° giorno Sermoneta
Partenza da Trieste con pullman riservato, arrivo a Sermoneta. Visita al Castello con le sue torri e i suoi ponti. Centro medievale dominante la pianura pontina, appartenne inizialmente ai Conti di Muscolo e successivamente ai Caetani. La formazione e lo sviluppo urbano del centro collinare, interamente costruito in pietra locale, è circondato da una cinta muraria aperta su cinque porte. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.
 

2° giorno Isola di Ponza
Prima colazione in hotel e partenza per l’imbarco alla volta dell’Isola di Ponza. AI largo della costa pontina si incontra l’Isola di Ponza, la “sentinella del Tirreno” circondata da altre piccole Isole: Palmarola Zannone, Gavi e Ventotene. Tour dell’isola in minibus. Ponza ha una superficie di 7,5 km2 ed è quasi completamente collinare: sovrastata al centro dai monti Core (201 m), Tre Venti (177 m) e Pagliaro (177 m), raggiunge la massima altitudine con i 280 m del monte Guardia, posto all'estremità meridionale dell'isola. Il Semaforo, sul monte Guardia, è il punto più alto dell'isola. Le sue spiagge sono frastagliate e per lo più rocciose, composte da caolino e tufi, a dimostrazione (insieme con i numerosi crateri vulcanici spenti ma tutt'oggi riconoscibili) dell'origine vulcanica dell'isola. La presenza di grotte sottomarine e di scogliere richiamano ogni anno migliaia di appassionati subacquei, oltre ovviamente a bagnanti, che prediligono la celebre spiaggia di Chiaia di Luna (a sud-ovest), circondata da un'alta scogliera a picco sul mare. Famosi sono anche la Scogliera e i Faraglioni di Lucia Rosa, che prendono il nome dalla protagonista di una tragedia realmente accaduta nel XIX secolo. Lucia Rosa era una giovane donna di diciannove anni, innamorata di un misero contadino ma impedita a sposarlo per l'opposizione della famiglia: la ragazza, in preda alla disperazione, si suicidò gettandosi dall'alta scogliera, che venne ribattezzata in suo nome dagli abitanti del posto. La forma dell'isola è stretta e allungata, e si estende dal Faraglione La Guardia, a sud, alla Punta dell'Incenso, a nord-est, che dà sulla vicina Isola di Gavi; quest'ultima è separata da Ponza da un braccio di mare di appena 120 metri. La vegetazione è tipicamente mediterranea, con prevalenza di agavi, fichi d'India e ginestre. Il clima ha caratteristiche subtropicali mediterranee con moderata escursione. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio possibilità di giro in barca (facoltativo a carico dei partecipanti). Rientro in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno Sperlonga - Gaeta
Prima colazione in hotel e partenza per l’escursione a Sperlonga, passeggiata nel pittoresco centro storico che deve la sua struttura urbana “arroccata” alle antichissime necessità di difendersi dai corsari che venivano dal mare. Trasferimento a Gaeta  pranzo in ristorante. Pomeriggio visita di del bellissimo centro storico e golfo di Gaeta. Con possibilità di visitare la Montagna Spaccata è uno dei luoghi più suggestivi di Gaeta sia da un punto di vista naturale, per la magia delle tre fenditure del promontorio a strapiombo sul mare, sia per la presenza del Santuario della SS. Trinità, presso cui anche diversi pontefici si sono recati a pregare nel corso del tempo. Una scalinata di 35 gradini conduce alla profonda fenditura centrale nota come Grotta del Turco che, secondo la tradizione cristiana, si sarebbe formata alla morte di Cristo. Lungo una stretta spaccatura di roccia è possibile notare, sulla parete di destra, un distico latino affiancato dalla cosiddetta Mano del Turco, cioè la forma di una mano. Secondo la leggenda, essa si sarebbe formata quando un marinaio turco miscredente si appoggiò alla roccia, la quale divenne miracolosamente morbida sotto la sua pressione formando l'impronta della mano. Rientro in hotel, cena e pernottamento. (POSSIBILITA' DI FARE UNA SOSTA IN UN CASEIFICIO X DEGUSTAZIONE MOZZARELLA BUFALA A PAGAMENTO). Rientro in hotel, cena e pernottamento.


4° giorno Piana delle Orme
Prima colazione in hotel e partenza per il Museo Storico di Piana delle Orme, un parco storico tematico realizzato per ospitare una delle COLLEZIONI PIU’ GRANDI ED ETEROGENEE AL MONDO: aerei, carri armati, locomotive, carretti, radio, armi e centinaia di mezzi militari, trattori agricoli, trebbiatrici, tram e corriere, utensili e migliaia di oggetti di ogni tipo. Dedicato al Novecento, il complesso museale rappresenta un viaggio attraverso 50 anni di storia italiana.14 PADIGLIONI TEMATICI: per raccontare le tradizioni e la cultura della civiltà contadina, le grandi opere di bonifica, la Seconda Guerra Mondiale, ma anche per mostrarne i veicoli e i mezzi agli albori della grande industrializzazione e i giocattoli con i quali si divertivano i bambini di una volta. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio partenza per l’escursione a Terracina: visita al celebre Tempio di Giove Anxur, Tempio romano costruito sul monte S. Angelo il santuario giunto fino a noi dopo il rifacimento in epoca sillana, comprende una terrazza superiore detta campo trincerato, e una terrazza inferiore, che ospita il grande tempio e il santuario oracolare. Verso ovest si denota una terza terrazza dove vi sono una serie di camere con il soffitto a volta ornate da affreschi. La città è situata nella zona agro pontina al bordo meridionale della pianura stessa sulla costa tirrenica; essa si sviluppa da una propaggine del Monte S. Angelo, dove giace il centro storico, fino al lungo mare Circe. E’ tradizionalmente suddivisa in una città alta dove sorge il centro cittadino con acropoli, e in una città bassa, frutto di una prima espansione in epoca romana verso il porto. Gli edifici più importanti sono la cattedrale di S. Cesario, la chiesa di S. Giovanni, la chiesa del Purgatorio e il castello del Frangipane. Rientro in hotel, cena e pernottamento.
 

5° giorno
Prima colazione in hotel e partenza con il pullman.

Referente: Guido Travaglia
Iscrizioni: crut@units.it

Quota di partecipazione (su base 30 partecipanti): € 750
Contributo CRUT per dipendenti e pensionati da detrarre dalla quota di partecipazione: € 100
Contributo CRUT per familiari da detrarre dalla quota di partecipazione:  € 50
Supplemento stanza singola: € 140
La quota viene ridotta di € 30 se partecipano 35 persone o di € 50 se ne partecipano 40.
La quota comprende: 4 mezze pensioni in hotel, sistemazione in camere doppie con servizi, 1 pranzo in ristorante a Ponza con menù locale, 1 pranzo in ristorante a Gaeta con menù locale, 1 pranzo in ristorante a Piana delle Orme con menù locale, biglietto di ingresso per il Museo Storico di Piana delle Orme, aliscafo delle persone Terracina-Ponza a+r, minibus per il tour dell’Isola di Ponza, pullman per tutta la durata del tour, guida mezza giornata (26 set), guida intera gioranta (27 set), guida intera giornata (28 set), guida alla Piana delle orme.

ORGANIZZAZIONE TECNICA: Made in Italy Tour Operator Srl.
viale Teseo Tesei, 12 - 57037 Portoferraio (LI)
PI. 01775420498 - Cod. REA LI 157029 - SdI: SUBM70N - capitale sociale € 50.000,00 i.v.
Aut. Prov. di Livorno n°9084 del 6/3/2014, Agenzia di Viaggi e Turismo